Che cos'è Pax Christi

Chi siamo
Monte Sole
Attività
Appelli/Campagne
Veglie di Preghiera
Link


SEGUICI SU MEDIUM

 

 


23-26 maggio 2018
photogallery del 70° anniversario di Pax Christi Germania con festa al Baraccano e incontro con il vescovo Matteo Zuppi


23-29 luglio 2018
photogallery del campo:

SULLE TRACCE DI DON TONINO BELLO


COMUNICATO STAMPA
 

Comunicato stampa Pax Christi

http://www.paxchristi.it/?p=14478

Incontro con giovane studente Usa: basta armi!

Pax Christi Italia esprime non solo la propria preoccupazione ma la più totale disapprovazione nei confronti del decreto legislativo entrato in vigore da pochi giorni, con il quale l’Italia ha recepito la direttiva europea numero 853 del 2017 sulla detenzione di armi.

Noi siamo totalmente contrari a questo clima culturale di violenza armata che questo decreto non fa che aumentare. Cresce sempre più la sensazione che possedere un’arma dia più sicurezza. Secondo noi invece è proprio l’esatto contrario.

Ci preoccupa questa atmosfera da Far West.

Ci preoccupano le promesse e le intese con la lobby delle armi, una lobby di morte.

Tra pochi giorni inizierà la discussione anche per la modifica alla legge sulla Legittima Difesa: una difesa “fai da te”, sempre più armata e pericolosa.

A questo clima ‘armato’ che stiamo vivendo, Pax Christi Italia risponde con una proposta disarmata, nonviolenta. Positiva e propositiva.

Nella prima settimana di ottobre abbiamo invitato in Italia Zion Kelly, uno dei tantissimi giovani studenti USA che sono scesi in piazza lo scorso 14 marzo per dire “basta”. Per protestare a voce alta contro l’uso delle armi nelle scuole, contro la loro vendita fuori controllo. E sappiamo bene come siano diffuse le armi negli Stati Uniti e quante siano le vittime. Sono centinaia di migliaia le voci giovani che chiedono disarmo negli Usa.  Sono l’espressione di una società civile che spesso non fa notizia ma che c’è ed è molto forte.

Un movimento giovane, variegato e molto esteso riempie le piazze e le città, per chiedere misure legislative più severe e chiare sull’utilizzo e il possesso delle armi.

Il giovane Zion Kelly sarà in Italia per una “Settimana della Nonviolenza”,  e terrà tanti incontri soprattutto nelle scuole, in diverse città italiane, dal 2 ottobre (Catania, Lamezia Terme, Portici, Napoli, Besozzo e Tradate - Va, Bologna) fino a domenica 7 ottobre per essere presente alla marcia per la pace Perugia Assisi.

Il calendario dettagliato con i luoghi, gli orari e i referenti per i vari incontri sono disponibili sul sito di Pax Christi: http://www.paxchristi.it/?p=14478

La nostra rivista Mosaico di pace ha pubblicato lo scorso mese di maggio una intervista a Zion Kelly e ad altri studenti USA: https://www.mosaicodipace.it/mosaico/a/45403.html.

Non vogliamo rassegnarci a questo modo di vedere l’altro come un nemico, a una relazione sempre più fondata sulla violenza e sulle armi di ogni dimensione e peso, dalle pistole alle bombe atomiche, alle bombe vendute all’Arabia Saudita per le stragi nello Yemen.

Vogliamo anche noi lottare e sognare con la piccola Yolanda Renee, di soli 9 anni, che a Washington lo scorso 14 marzo ha ripetuto quanto aveva detto 55 anni fa suo nonno, Martin Luter King, di cui celebriamo il cinquantesimo anniversario della morte: “I have a dream: così come mio nonno Martin Luther King, anche io ho un sogno. Sogno un mondo che per lungo tempo non avrà bisogno di armi”.

Firenze, 20 settembre 2018                   Pax Christi Italia

per contatti:
Segreteria Nazionale di Pax Christi info@paxchristi.it - 0552020375
don Renato Sacco drenato@tin.it - 348/3035658
http://www.paxchristi.it/?p=7229
 

aaa


RIFLETTORI SU...
 

Cile 11 settembre 1973
(immagine tratta dal sito:
www.lavocedinomas.org/news/il-secondo-11-settembre)

11 SETTEMBRE 2018

dal Blog di Giancarla Codrignani

In Regione Emilia-Romagna un convegno commemorativo della solidarietà agli esuli cileni.  

      Un’iniziativa importante, se è vero che chi è nato dopo il1973 non sa nemmeno chi fosse Allende e non ha idea di che cosa sia sentire la passione internazionale per la tragedia di un altro paese.

       Puntare sulla memoria della solidarietà è buona cosa, ma occorre sempre contestualizzare. Se il Cile di oggi può anche votare la destra, ma è un paese democratico, lo si devev proprio alla solidarietà “politica” non solo con gli esuli, ma con i diritti di quel paese. Si deve far conoscere che i governi europei mantennero tutti le relazioni diplomatiche nonostante un generale avesse bombardato il palazzo del governo e imposto lo stato d’assedio.

         E’ vero che solo l’Italia ritirò l’ambasciatore, mantenendo un Incaricato d’affari, unicamente perché al momento del golpe l’ambasciatore Tommaso De Vergottini era in Italia e un sostituto, Piero De Masi, lasciò entrare decine e decine di cileni perseguitati. Documenti desecretati del Dipartimenti di Stato hanno, nel 1990, rivelato che il governo Rumor e il ministro Moro avrebbero fatto la scelta degli altri paesi europei. Quindi senza la mobilitazione internazionale, gli interventi degli intellettuali e delle opposizioni parlamentari nel mondo, non si sarebbe arrivati al referendum e al ritorno della libertà dei cileni.

        Un paio di considerazioni esclusivamente politiche. La prima riguarda l’esistenza dei partiti allora non ancora in crisi: in quella situazione - ma anche in altre, non solo latinoamericane, ma per esempio l’apartheid in Sudafrica - i partiti avevano forti relazioni con le formazioni omologhe negli altri paesi: l’organizzazione era funzionale alle relazioni politiche.

         Oggi i movimenti possono mobilitarsi via internet e smartphone, ma senza relazioni immediatamente politiche e senza preparazione, in situazioni complesse, per indirizzare i governi e le opposizioni e provvedere agli espatri.

        Un secondo rilievo va alla conoscenza del contesto che favorì Pinochet: Allende era stato votato (e resta ancora memorabile) dentro il sogno socialista internazionale. Aveva avuto il sostegno unitario della sinistra anche se si sapeva che si sarebbero aperte le gabbie dei leoni manovrati dagli Stati Uniti a difesa del liberismo economico. Il governo dovette assumere una politica difensiva che impose sacrifici: le manifestazioni provocarono reazioni violente e il “cacerolazo” delle donne che lamentavano il taglio del latte ai bambini nelle scuole ebbero conseguenze tragiche: la sinistra si divise e Allende perse il sostegno della sinistra radicale. Contesto illuminante per chi intende fare politica.

         Raffaella Lamberti ha rilevato che le dittature non sono “tutte uguali”: usiamo abitualmente, dopo l’innovazione di cui è responsabile l’Italia, cla parola “fascismi”. Solo che sotto Mussolini non sarebbe stato possibile: nel Cile di Pinochet si poteva assitere a uno spettacolo teatrale (Una primavera con un esquina rota, di Mario Benedetti) che trattava del golpe in Uruguay e un prigioniero dalle sbarre del carcere evocava un pick-nick con la sua ragazza: il grammofono suonava l’Internazionale. E il pubblico alla fine fuggiva perché era l’ora del coprifuoco.


(
articolo tratto dalla mailing-list
Bosi-News_PER IL BENE COMUNE_2018_n_22_Bis  del 14/09/2018)

 

aaa

NOTE FUORI DAL CORO

aaa

Intervento di mons. P. R. Gallagher, segretario per i rapporti con gli Stati, al Consiglio d’Europa in occasione del 70° anniversario della Dichiarazione dei diritti umani

Eccellenze, Distinti rappresentanti del segretariato del Consiglio d’Europa, >>

aaa

alfabeta2

 

pubblicato il 2 settembre 2018

 

Nessun altrove

 

Dove sono finiti i Rohingya? Sono andati anche loro in vacanza? >>

aaa

Palestina: giù le mani da Khan al Ahmar

 

Un appello della Società civile per la Palestina contro la deportazione, un articolo di Amira Hass (Haaretz) e uno di Tamara Nassar (The Electronic Intifada), il comunicato di B’Tselem . Anche la “scuola di gomme” costruita dalla ong italiana Vento di Terra, sarà demolita.>>

aaa

Edtoriale

Ripartiamo dal Dio di Gesù che è l’umanità.


di Giovanni Sarubbi


Se il cristianesimo è giunto alla crisi attuale questo dipende dalla teologia che si è affermata in questi duemila anni.
>>

 

 

AGENDA PACE
SETTEMBRE 2018

07/09/2018: Messa di suffragio per ricordare due figure fondamentali della sua storia: don Saverio Aquilano, Antonio Rubbi
07/09/2018: Spettacolo: "SOCIAL COMEDY"
08/09/2018: «OP meetings 2018»
09/09/2018: 6ª Notte dei Bikers - Pranzo di Beneficenza a favore del Centro Accanto di Crevalcore
10/09/2018: Incontro: "2008 - 2018 Achille Ardigò a dieci anni dalla scomparsa"
11/09/2018: Incontro: "TEMPO D’ESILIO L’EMILIA-ROMAGNA A FIANCO DEL POPOLO CILENO (1973-1988)"
12/09/2018: Incontro: "La povertà cristiana non è ideologia, è al centro del Vangelo"
14/09/2018: Incontro di Catechesi: "I tempi di Maria e il trionfo del suo cuore immacolato. Profezie e segreti delle apparizioni mariane"
16/09/2018: Festa del Volontariato e dell’Associazionismo della Città Metropolitana di Bologna - “Gli elementi fondamentali della solidarietà”
18/09/2018: Presentazione dei Libri: "«OTTO GIORNI IN NIGER» e «CRONISTORIA DI UN PENSIERO INFAME»"
19/09/2018: Incontro: "Un orizzonte teologico in evoluzione"
20/09/2018: Tavola Rotonda: "Cefalonia e Corfù, la resistenza e l’eccidio visti 75 anni dopo"
21/09/2018: La Festa Provinciale: ACLI in Festa 2018
21/09/2018: Presentazione del Libro: "RINNEGA TUO PADRE"
22/09/2018: Riapertura della Chiesa di S.Silvestro, del Cinema-Teatro Parrocchiale Verdi e inaugurazione dell’Oratorio Casa dei Giovani
25/09/2018: Presentazione del Libro: "L’IMPRESA GRIGIA"
27/09/2018: Presentazione del Libro: "Per una nuova umanità: l’orizzonte di Papa Francesco"
28/09/2018: X edizione del Festival Francescano: "Tu sei bellezza"
29/09/2018: Festa della Solidarietà e dell'Accoglienza
29/09/2018: Presentazione del Libro: "CI VEDIAMO A CASA la famiglia e altri meravigliosi disastri"

| Che cos'è Pax Christi | Chi siamo | don Tonino Bello | Monte Sole | Attività | Appelli/Campagne | I Link |

Contatore utenti connessi