Che cos'è Pax Christi

Chi siamo
Monte Sole
Attività
Appelli/Campagne
Veglie di Preghiera
Link


SEGUICI SU MEDIUM


23-26 maggio 2018
photogallery del 70° anniversario di Pax Christi Germania con festa al Baraccano e incontro con il vescovo Matteo Zuppi


23-29 luglio 2018
photogallery del campo:

SULLE TRACCE DI DON TONINO BELLO


RIFLETTORI SU...
 

Logo OPAL
(immagine tratta dalla mailing-list dei punti pace di Pax Christi Italia
)

Osservatorio Permanente sulle Armi Leggere e Politiche di Sicurezza e Difesa (OPAL)

Viale Venezia 112 – 25123 Brescia

Website: www.opalbrescia.org

Comunicato Stampa

Furono i fabbricanti di armi tra i promotori della 1a Guerra Mondiale

Brescia, domenica 04 novembre 2018

Stanno per concludersi anche in Italia le manifestazioni del centenario della 1a Guerra Mondiale.

Notiamo che il clima entro cui si sono svolte da noi è stato quello delle “celebrazioni”, da una parte, e dall’altra quello della ripresa della retorica nazionalista e militare che, a fatica, era stata mitigata negli scorsi decenni dal lavoro di pochi storici preparati. Si è tornati a una visione patriottica della storia, da cui sono scomparsi del tutto gli episodi scomodi, veri tabù, del pacifismo, della renitenza di massa e della diserzione, degli ammutinamenti e della fraternizzazione con i nemici, della demenziale incompetenza dei comandi, del generale e crescente odio per la guerra. Si è compattata l’unanimità intorno alla “sacralità” del “sacrificio” dei caduti e dell’eroismo dei combattenti della Grande Guerra, in un odierno rilancio di un’“identità nazionale” in verità assai problematico.

OPAL, l’Osservatorio Permanente sulle Armi Leggere, che ha tra i suoi compiti principali quello di promuovere e diffondere la cultura della pace, ritiene che nelle celebrazioni si sia dato troppo rilievo non solo al punto di vista “nazionale” (la guerra come cemento degli ita-liani e realizzazione del risorgimento) ma soprattutto alla cultura della guerra (le nuove armi, la guerra di trincea ecc.). Non si è dato abbastanza rilievo, invece, alle cause di que-sta guerra, che ha rappresentato l’entrata dell’umanità nella modernità, con il suo corredo di inutili stragi di massa, di esodi di popolazioni civili, di genocidi, di “pulizie etniche” e di un fallimento della “pace” postbellica i cui effetti si sono protratti per tutto il Novecento, e si ri-presentano oggi.

Tra le cause, una delle principali fu la volontà bellica di tutto il ceto affaristico e imprendito-riale, capace di mobilitare risorse e propaganda anche quando la classe politica era decisamente schierata su posizioni neutralistiche. Durante la guerra, gli industriali delle armi furono i maggiori beneficiari della carneficina che falciò soprattutto contadini ed ex contadini di recente inurbati per andare a lavorare nelle fabbriche, anche in quelle poi militarizzate. Si costruirono allora ingenti fortune industriali, anche in Italia (dagli Agnelli ai Perrone dell’Ansaldo, ai Bombrini e ai Parodi-Delfino della BPD, i Donegani della Montecatini, i Ro-meo dell’Alfa Romeo, i Caproni e i Macchi della nascente aviazione ecc.) e anche a Bre-scia (dai Beretta ai Franchi, dagli Gnutti ai Morselli della Caffaro). Una Commissione parlamentare d’inchiesta sulle spese di guerra accertò “guadagni illeciti” ingenti e avrebbe recuperato la gigantesca cifra di 340 milioni di lire di “sovraprofitti” se non fosse stata prontamente soppressa da Mussolini due giorni dopo aver ottenuto la fiducia dal parlamento, nel novembre 1922.

Nell’imminenza della 2a edizione del Festival della Pace di Brescia, dedicato quest’anno al tema della nonviolenza, vogliamo ricordare il coraggio di Giacomo Matteotti che nel 1915 sostenne con veemenza le ragioni dell’antimilitarismo e dell’internazionalismo, e che fu condannato per disfattismo a tre anni di confino scontati a Campo Inglese (Messina). Le sue parole contro la guerra come violenza sono state poi riprese da Aldo Capitini, di cui si sono celebrati in questi giorni i cinquant’anni dalla scomparsa, nel suo Antifascismo tra i giova-ni (1966).

Per tenere attuali e comprensibili alle nuove generazioni le parole di Matteotti, di Capitini e di tutti coloro che hanno testimoniato la forza della pace e della nonviolenza, vogliamo ribadire che il 4 novembre 2018 non è un giorno di festa ma di lutto.

PER CONTATTI STAMPA:

Piergiulio Biatta – Email: piergiulio.biatta@gmail.com – Cellulare: 338-8684212
(Presidente Osservatorio Permanente sulle Armi Leggere e Politiche di Sicurezza e di Difesa)

Carlo Tombola – Email: carlo.tombola@gmail.com – Cellulare: 349-6751366
(Direttore Osservatorio Permanente sulle Armi Leggere e Politiche di Sicurezza e di Difesa)

Giorgio Beretta – Email: berettagiorgio@gmail.com – Cellulare: 338-3041742
(Analista Osservatorio Permanente sulle Armi Leggere e Politiche di Sicurezza e di Difesa)

_____________________

L’Osservatorio Permanente sulle Armi Leggere e Politiche di Sicurezza e Difesa (OPAL) di Brescia è un’associazione Onlus attiva dal 2004, promossa da diverse realtà dell’associazionismo bresciano e nazionale (Collegio Missioni Africane dei Missionari Comboniani, Commissione Giustizia e Pace della Diocesi di Brescia, Associazione per l’Ambasciata della Democrazia Locale di Zavidovici, Camera del Lavoro Territoriale di Brescia “CDLT”, Pax Christi, Centro Saveriano Animazione Missionaria dei Missionari Saveriani, Servizio Volontario Internazionale) e da singoli aderenti, per diffondere la cultura della pace ed offrire alla società civile informazioni di carattere scientifico circa la produzione e il commercio delle “armi leggere” con approfondimenti sull’attività legislativa di settore. Membro della Rete Italiana per il Disarmo, l’Osservatorio, ha promosso a Brescia diversi convegni, rassegne cinematografiche e spettacoli teatrali ed ha pubblicato sei annuari di cui l’ultimo dal titolo “Commerci di armi, proposte di pace. Ricerca, attualità e memoria per il controllo degli armamenti”, Editrice GAM, 2014 nel quale sono presenti due ampi studi sulla produzione e esportazione di armi italiane e bresciane. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito: www.opalbrescia.org.


(
articolo tratto dalla mailing-list dei punti pace di Pax Christi Italia del 04/11/2018)

 

aaa

NOTE FUORI DAL CORO

aaa

Sostegno a don Biancalani

Cari/e,

a fine settembre siamo stati da Don Massimo Biancalani alla parrocchia di Vicofaro a portare il sostegno e la vicinanza di Pax Christi nell'opera di accoglienza dei migranti molto e pesantemente contrastata dai cittadini >>

aaa

 Ponti di pace. L'appello di Bologna, le fedi ponti di pace


Paolo Viana, inviato a Bologna martedì 16 ottobre 2018

La firma di un testo comune e l'accensione dei candelabri sono stati gli ultimi atti del 32° appuntamento. Le parole dell'arcivescovo Zuppi e della figlia di Martin Luther King. >>

aaa

Dossier Statistico Immigrazione 2018
                                     
                   
>>

aaa

AD UN MESE DALLA PERUGIA-ASSISI
SULLA MARCIA,
dei pregi e dei difetti

 

Ad un mese dalla Perugia-Assisi del 7 ottobre 2018 è bene fare qualche considerazione su come sta proseguendo la nostra marcia ...
La grande partecipazione all'iniziativa, nel cinquantesimo anniversario della morte terrena di Aldo Capitini, >>

 

 

AGENDA PACE
NOVEMBRE 2018

01/11/2018: MERCATINO D'AUTUNNO dell'Associazione di Volontariato DON PAOLO SERRA ZANETTI
03/11/2018: XVIIª GIORNATA DEL DIALOGO ECUMENICO CRISTIANO – ISLAMICO - “I LUOGHI DI PREGHIERA COME DIMENSIONE FONDAMENTALE PER CRISTIANI E MUSULMANI”
03/11/2018: GIUSEPPE FANIN 70° anniversario del sacrificio - Incontro: "Lavoro giusto, lavoro buono"
03/11/2018: GIUSEPPE FANIN 70° anniversario del sacrificio - Proiezione del Film: "I migliori anni della nostra vita"
04/11/2018: GIUSEPPE FANIN 70° anniversario del sacrificio - S. Messa e Mostra su G. Fanin
05/11/2018: Incontro: "La costruzione delle chiese durante l’episcopato bolognese del cardinale Lercaro"
05/11/2018: Commemorazione del 70° Anniversario della barbara uccisione di Giuseppe Fanin
06/11/2018: Convegno: "CADENDO UNA STILLA DI RUGIADA pensieri sul tema dell’acqua nelle tre religioni monoteiste attraverso l’opera di Lorenzo Gresleri"
06/11/2018: Incontro: "TRAFFICO DI ESSERI UMANI tratta di persone e nuove schiavitù"
06/11/2018: I Martedì di San Domenico - Incontro: "I cristiani in Medio Oriente, ieri e oggi. A 700 anni dalla morte di Ebedjesu (1318-2018) una riflessione sulla presenza dei cristiani nel Medio Oriente"
07/11/2018: Restiamo umani: nel rispetto dei diritti umani, la via per la pace - Momento di preghiera per il dialogo tra le fedi contro le intolleranze e i fondamentalismi: "IO CAMMINO TRA LE RELIGIONI"
08/11/2018: «Affinché siano una cosa sola, perché il mondo creda. Il cammino verso la piena unità dei discepoli di Cristo» - 4° Incontro: "«Le Chiese precalcedonesi»"
08/11/2018: IL LIBRO DI GIOBBE Come parlare di Dio nel momento della sofferenza? - Incontro: "La reazione immediata di Giobbe alla sofferenza"
09/11/2018: 1918-2018 LA GRANDE GUERRA 100° Anniversario - Lettura Scenica: "Uomini in guerra"
09/11/2018: Inaugurazione dell’Emporio solidale «Il Sole»
09/11/2018: Nel ricordo del transito della Serva di Dio madre Maria Francesca Foresti - Spettacolo: "Tra cielo e terra... Madre Francesca Foresti"
10/11/2018: E-VENTO DI LIBRECCIA
10/11/2018: Spettacolo: "La Tombola delle Migrazioni"
10/11/2018: «Meeting annuale di «Medici con l’Africa - CUAMM»
10/11/2018: “Gli aperitivi della politica” - Incontro: "Migranti in mare: e il diritto internazionale?"
11/11/2018: Lettura: "Atti degli Apostoli"
12/11/2018: Presidio: "#saveAsiaBibi"
13/11/2018: 2018-2019: Il Vangelo secondo Luca - 2° incontro: "Lc 1,5-2,52 A proposito della nascita e dell’infanzia di Gesù"
13/11/2018: Convegno: "PIU' FORTI INSIEME"
14/11/2018: “Dialoghi sul Mondo” 2018 sulla situazione geopolitica mondiale - Conferenza: "Libia: cruciale per noi, cruciale per il Mediterraneo"
15/11/2018: «Affinché siano una cosa sola, perché il mondo creda. Il cammino verso la piena unità dei discepoli di Cristo» - 5° Incontro: "«La galassia pentecostale»"
15/11/2018: IL LIBRO DI GIOBBE Come parlare di Dio nel momento della sofferenza? - Incontro: "Giobbe di fronte alla sofferenza"
15/11/2018: «Giovedì della Dozza» La figura di don Giuseppe Dossetti - 2° Incontro: "L’Eredità spirituale e culturale di don Dossetti"
16/11/2018: Incontro: "I MIGRANTI: l'esperienza della Comunità di Ronzano"
17/11/2018: Libertà e diritti delle donne nei contesti religiosi e giuridici - Incontro: "Pratiche e testimonianze"
17/11/2018: Incontro: "Nuove generazioni italiane Italiani si nasce o si diventa?"
17/11/2018: Presentazione del Volume: "Sotto il fango e sopra la pioggia… Diario di un Soldato della Prima Guerra Mondiale"
18/11/2018: Incontro Biblico: "Dentro la Bibbia. La teologia alternativa di Armido Rizzi"
20/11/2018: I Martedì di San Domenico - Per il Ciclo " Memoria  del '900" - Incontro: "La grande guerra Retrovie fotografie e lettere - Un fotoreporter dal fronte orientale"
22/11/2018: «Affinché siano una cosa sola, perché il mondo creda. Il cammino verso la piena unità dei discepoli di Cristo» - 6° Incontro: "«“Camminare insieme”. Il movimento ecumenico, il Vaticano II e gli ultimi sviluppi»"
22/11/2018: IL LIBRO DI GIOBBE Come parlare di Dio nel momento della sofferenza? - Incontro: "I tentativi dell'uomo-Giobbe di superare l'assurdità della sofferenza"
22/11/2018: Libertà e diritti delle donne nei contesti religiosi e giuridici - Incontro: "Analisi e Interpretazioni"
27/11/2018: 2018-2019: Il Vangelo secondo Luca - 3° incontro: "Lc 3,15-22 Il battesimo di Gesù"
29/11/2018: IL LIBRO DI GIOBBE Come parlare di Dio nel momento della sofferenza? - Incontro: "L'incontro tra Dio e Giobbe: dare un senso al mistero della sofferenza"

| Che cos'è Pax Christi | Chi siamo | don Tonino Bello | Monte Sole | Attività | Appelli/Campagne | I Link |

Contatore utenti connessi